/Laboratori/

®I ladri di favole

Il progetto  I ladri di favole è ispirato al libro di Rosa Tiziana Bruno. Lo scopo è incoraggiare lo scambio e costruire un dialogo tra culture diverse, utilizzando la fiaba come veicolo. Sei unità didattiche forniscono all’insegnante una traccia per lavorare in classe sui temi dell’intercultura, ma anche per la geografia, l’affettività, l’ambiente, l’alimentazione, l’immagine. Ogni unità corrisponde ad un capitolo del libro e ad esso si appoggia per la sua realizzazione.

Ambiti disciplinari:

  • Area affettivo-relazionale
  • Area linguistica
  • Area storico-geografica
  • Area scientifica
  • Area matematica
  • Area artistico-grafica

Il progetto è visibile QUI

**********************************************************************

®Parole e stelle

Parole e Stelle è un laboratorio di lettura, pre-scrittura e scrittura creativa per bambini e ragazzi.
La metodologia è diversificata in base all’età dei destinatari e al livello di scuola. Pertanto, le attività didattiche formative del laboratorio, nonché le attività pratiche di base, sono studiate specificamente per i vari destinatari.
Inoltre, giocare con le parole alleggerisce la pesantezza del quotidiano scolastico e insegna a trasformare i limiti in punti di forza. I sette giochi del laboratorio Parole e stelle aiutano a ridimensionare i disturbi dell’apprendimento, rendendoli minuscoli, perché permettono a ognuno di sperimentare la propria potenza creativa al pari degli altri.

Destinatari:
bambini di asilo nido
bambini di scuola dell’Infanzia
bambini di scuola Primaria
ragazzi di scuola Media inferiore e superiore
bambini e ragazzi con Disturbi Specifici di Apprendimento

Il progetto è visibile cliccando –> QUI

**********************************************************************

® L’officina del racconto

E’ un laboratorio di scrittura creativa per docenti. Giacché esistono delle precise modalità per stimolare il bisogno ed il piacere di scrivere, si intende proporre un confronto aperto con i docenti, in una prospettiva di scambio di idee ed esperienze. L’obiettivo è presentare la scrittura come processo creativo, un’occasione per esprimere se stesso, il proprio universo affettivo, le proprie opinioni.

FINALITA’:

Educative

Sviluppare abilità di ascolto.

Potenziare la collaborazione e l’esperienza individuale.

Potenziare l’autoconoscenza e l’autoconsapevolezza.

Potenziare l’autostima e il senso di responsabilità.

Cognitive

Sviluppare il pensiero divergente.

Combinare pensiero divergente e pensiero convergente.

Utilizzare capacità di osservazione.

Utilizzare capacità immaginifiche.

Potenziare la capacità di visualizzazione.

Linguistiche

Potenziare le abilità espressive e comunicative.

Avere consapevolezza degli strumenti linguistici.

Amare la lettura e la scrittura.

Il progetto è visibile—> QUI

**********************************************************************

®L’officina della fiaba

E’ un progetto-laboratorio, che può prevedere la partecipazione anche di genitori, e insegnanti, insieme a bambini e ragazzi. Lo scopo è esplorare nuovi modi attraverso l’ascolto di storie narrate,  e riscoprire un patrimonio culturale non sempre conosciuto da tutti. C’è la possibilità di mettersi in gioco, avvicinandosi alla lettura e alla narrazione in maniera attiva,  senza sforzo. Questo laboratorio ha una forte valenza emotivo-relazionale perché conduce alla riscoperta del proprio mondo interiore con serenità e giocosità. Stimola il confronto interculturale, e la capacità di esplorare il punto di vista dell’altro e…introduce al benessere psicofisico.

Obiettivi:
. scoprire come nascono le fiabe e sperimentare l’importanza della narrazione nel nostro quotidiano
. scoprire in che modo la fiaba può aiutarci a sviluppare ed allenare il cervello
. l’utilizzo della fiaba come terapia e come gioco per adulti e bambini

Il progetto è visibile QUI

************************************************************************

®L’officina mondiale della fiaba

Questo progetto-laboratorio può prevedere la partecipazione di insegnanti ed educatori, oltre che di allievi. Si propone un confronto aperto in una prospettiva di scambio di idee ed esperienze intorno agli aspetti dell’intercultura e dell’educazione alla cittadinanza. Un momento per riflettere, apprendere e confrontarsi.

Obiettivi cognitivi: esplorare nuove culture attraverso la fiaba. Curiosità e disponibilità diventano nuove chiavi per aprire le porte del dialogo, della convivenza democratica, del piacere di scoprire quanto sono numerose le somiglianze e quanto affascinanti le differenze.  Le fiabe possono essere un veicolo per attraversare il tempo dal passato al presente, e per viaggiare da un continente a un altro, insomma per avere informazioni sul mondo.

Obiettivi empatico-relazionali: L’officina della fiaba è un laboratorio che conduce alla riscoperta del proprio mondo interiore con serenità e giocosità e consente di confrontarlo con quello altrui.

Il progetto è visibile  QUI

******************************************************************************

®L’officina delle storie

Laboratorio di narrazione per gli “adulti”. Immaginate di sedervi in cerchio, a lume di candela. Con voi c’è una persona che racconta una fiaba. E ora immaginate di prolungare l’incanto della storia, ascoltando l’eco della fiaba in voi. Sensazioni. Emozioni. Sentimenti. Ricordi. Desideri. Consapevolezza. Domande. Forze creative. L’accenno di un movimento, una parola che affiora. La nostalgia per una saggezza senza nome.  Abitare le immagini delle fiabe.  La parola creativa, il corpo in movimento, lo sguardo, il gioco. Un tesoro che può orientare la conoscenza di sé e il viaggio della vita. Le fiabe vissute e abitate, diventano regali unici che ognuno, dopo, potrà porgere con calore e consapevolezza a grandi e piccini.

Il progetto è visibile  QUI

************************************************************************

®L’ombra di Babbo Natale

Per un viaggio dentro sé stessi e nel mondo intorno…e per potenziare le capacità espressive, leggere, raccontare, scrivere, disegnare in modo nuovo.

Temi: Natale, festa, amicizia, diversità, incontro, consumismo, altruismo, generosità, egoismo, fantasia, sogno, speranza

Obiettivi:
– Creare occasioni di incontro e dialogo con gli scrittori

– Mostrare che ogni libro può diventare gioco e punto di partenza di percorsi creativi
– Esplorare la propria realtà sociale e geografica e confrontarla con altre

– Scoprire altri mondi, altri modi di vivere e avvicinarsi in modo giocoso alle culture “straniere”

– Sviluppare, a partire dalla storia letta insieme, un discorso sul piano emotivo individuale, da condividere con i genitori e con gli amici

Il progetto è visibile  QUI

**************************************************************************

®La paura è fatta di niente

Percorso di educazione all’immagine e all’affettività
Questo progetto prevede un intervento specifico, che abbina l’educazione all’immagine con l’educazione all’affettività. E’ un breve percorso di educazione affettiva che si inserisce in una finalità più ampia. Lo scopo è quello di promuovere una crescita ed una maturazione sociale ed affettiva degli alunni attraverso l’incontro con i sentimenti e le emozioni in un clima di fiducia e di rispetto all’interno del gruppo classe, dove ciascuno può sentirsi sicuro di esprimersi, di ascoltare e di essere ascoltato. E’ importante scoprire che la paura è un’emozione naturale che appartiene a tutti. Un’emozione che a volte è perfino utile, ma che spesso è “fatta di niente”… Inoltre, occorre imparare ad esprimere e riconoscere negli altri queste emozioni anche attraverso le immagini grafiche e il linguaggio del corpo.

Il progetto è visibile  QUI

************************************************************************

®Bolsitas raras: los colores del miedo

Camino de educación sobre la imagen y afectiva

-creado por la escritora Rosa Tiziana Bruno

Este proyecto prevé una intervención específica, que combina la educación afectiva con la educación de la imagen. La necesidad educativo de este tipo proviene de la observación del comportamiento de los alumnos en la escuela hoy. Varias audiencias han puesto la necesidad de encontrar respuestas adecuadas a las necesidades expresadas por los niños en las escuelas de hoy.
Numerosos casos de manifiesta inestabilidad psicomotora od’inibizione necesidades de mediación, de la hospitalidad, escucha, consuelo. Estas necesidades se incrementan en las clases donde la presencia de estudiantes extranjeros es una constante. Es el caso de transformar las actitudes de los niños con problemas en la capacidad para hacer frente a la escuela y la realidad social. Es el caso de que  todos nosotros aprendemos a manejar las emociones.

Los colores del miedo es un curso breve de la educación afectiva que se ajuste a un propósito más amplio. El objetivo es promover el crecimiento y la maduración social y emocional de los alumnos mediante la reunión con los sentimientos y emociones en un clima de confianza y respeto dentro de la clase de grupo, donde todos pueden sentirse seguros para expresarse, escuchar y ser escuchado. Es importante descubrir que el miedo es una emoción natural que es de todos. Una emoción que a veces es útil, pero a menudo se ” hace de la nada“..
Por otra parte, debemos aprender a reconocer y expresar esas emociones (nuestras y de los demás) a través de imágenes gráficas y el lenguaje corporal.

Temas: el miedo, la diversidad, la reunión, la fantasía, el sueño, la realidad, la esperanza, la amistad, los colores, las imágenes

Disciplinas: Área de lengua y comunication/ Ámbito afectivo-relacional/ Área artística-gráfica

Objetivos:

– Desarrollar les habilidades perceptivas, del lenguaje, de expresión
– formas del lenguaje icónico, y los gestos del cuerpo para expresar emociones
– los códigos no verbales para comunicar / expresar les emociones
– aprender a interactuar con sus compañeros y adultos, en un debate
– auto-conocimiento, el conocimiento de sus emociones
– la capacidad de considerar las opiniones de sus amigos y familia
– una representación gráfica y verbal de su experiencia
– la capacidad de traducir graficamiente  sus pensamientos y sentimientos

Duración: cada sesión dura aproximadamente dos horas. El proyecto completo requiere de tres a cuatro días de aplicación.

Edad: desde 4 años a 10 años. Por supuesto, las discusiones se adaptará a la edad de los participantes, utilizando ejemplos para los niños y conceptos más detallados para los grandes

Materiales: libro “Bolsitas raras” – Ediciones Aljibe; cuaderno para notas; páginas de álbum; lápices; colores.

El proyecto es visible AQUI’

*******************************************************************************

®La peur est fait de rien

C’est un projet qui prend sa vie d’un conte italien, en rime. Il vise à développer les capacités de raisonnement des enfants en ce qui concerne les domaines clés de compréhension/connaissance de soi et la réflexivité, à travers l’expérience du dialogue et de la lecture comme un processus de construction collective de connaissances et de sens.
Ce projet promouvoi la croissance et la maturation sociale et émotionnelle des élèves par une rencontre avec les sentiments et les émotions dans une atmosphère de confiance et de respect au sein du groupe de classe, où chacun peut se sentir en sécurité de s’exprimer, d’écouter et d’être entendu.
Il faut apprendre à reconnaître les émotions (les notres et celles des autres) et à les exprimer à travers le dialogue, les images graphiques et le langage corporel.

Ceci est utile pour nous tous …

Vous trouvez le projet ICI
*******************************************************************************

®L’ingrediente segreto

Un percorso che attraversa le aree linguistico-artistico-espressiva, storico-geografica e scientifica, con una griglia dettagliata di riferimenti operativi.
L’obiettivo comune che fa da sfondo è l’educazione all’affettività e alla cittadinanza. L’apprendimento del concreto prendersi cura di se stessi, degli altri e dell’ambiente al fine di favorire atteggiamenti cooperativi e collaborativi, essenziali per praticare la convivenza civile e per essere in armonia con sé stessi.
Sulle unità didattiche proposte possono essere innestati laboratori teatrali, grafici e, soprattutto, di cucina creativa per parlare di alimentazione e per prevenire e affrontare i disturbi alimentari.

Maggiori informazioni qui

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...