I bambini ci guardano

7027053zoomed

di R. Tiziana Bruno

Fiumi di parole sono stati scritti sull’educazione, sul come, sul cosa e sul perché. Eppure l’educazione è soprattutto un atto “inconsapevole”.
Bambini e ragazzi acconsentono ad essere educati con facilità, sono molto più docili di quanto possiamo immaginare, ma c’è qualcosa a cui spesso non pensiamo: i piccoli imparano in ogni momento della loro vita trascorso con noi. Questo significa che l’educazione è un atto di creazione permanente.
Atto di creazione perché educare non significa imporre delle regole, le regole si impongono agli animali da addomesticare o ai militari da inquadrare sotto comando. Gli esseri umani vivono di creatività, si nutrono di diversità e di novità, di curiosità e di gioia.
Permanente perché i genitori non vanno mai in vacanza, per tutta la durata della loro vita. E non è una disdetta, piuttosto è un atto d’amore infinito.
Il fatto è che spesso ci dimentichiamo di tutto ciò, forse per via della pesantezza del vivere quotidiano o a causa della nostra pigrizia, e allora ci aggrappiamo alle regole. Succede che i genitori portano i piccoli in spiaggia e pensano di educarli imponendo un orario rigido per il bagno in acqua oppure vietandogli di disturbare i vicini di ombrellone.
Tutte queste regole sono faticose, spesso le mamme sono in tensione e i papà non si sentono liberi, perché imporre comportamenti e elargire divieti alla fine stanca! Soprattutto quando i piccoli si “ribellano”.
Che fare, dunque, per alleggerirsi un po’ la vita?
In realtà si può fare molto di più facendo meno. Anche perché i bambini ci guardano, sempre, perfino quando non ce ne accorgiamo. Ed è mentre ci guardano che noi possiamo educarli, è quello il momento privilegiato, l’occasione opportuna per insegnare ai piccoli tutto quello che di essenziale c’è da sapere.
Una madre educa il suo bambino quando risponde in maniera garbata al proprio marito, un padre insegna il giusto comportamento al figlio quando getta la carta nel cestino anziché in terra, quando guida l’automobile rispettando i pedoni, quando sorride al ragazzo che gli lava il vetro del cruscotto. Per essere buoni educatori, occorre innanzitutto essere.
Educhiamo in base a ciò che siamo.
Le carezze, i sorrisi, gli abbracci sono unità didattiche molto efficaci, strumenti di educazione senza sforzo.
La risposta sgarbata, il tono di voce aspro, l’ansia sono unità didattiche negative. Efficaci quanto quelle positive, ma che conducono nella direzione sbagliata, ovvero verso l’infelicità.
A noi la scelta, dunque.
L’importante è ricordarsi che i bambini ci guardano, sempre, e questa è la nostra grande opportunità.

All rights reserved, riproduzione vietata
Annunci

1 Commento

Archiviato in Benvenuto, cooperative learning, I ladri di favole, intercultura, ladri di favole, libri, maestra, philosophy for children, Rivista andersen, rosa tiziana bruno, rosatiziana, tiziana bruno

Una risposta a “I bambini ci guardano

  1. rossana laterza

    Condivido il contenuto. Mi permetto di aggiungere che il sessismo e la violenza di genere sono anche il risultato di rapporti violenti all’interno della coppia genitoriale. Un marito, padre , compagno educa al rispetto di genere quando “risponde bene” alla sua partner, quando ne rispetta le scelte e soprattutto non la considera una proprietà come una cosa di cui alla fine si può fare ciò che si vuole …Credo che questo aspetto non sia sottinteso nell’articolo o almeno non è percepibile come tale, e che al contrario vada precisato. La declinazione al maschile e al femminile si rende necessaria proprio per evitare le “omissioni” che da sempre caratterizzano la storia delle donne, per fornire una reale rappresentazione della coppia educatrice e per scardinare gli stereotipi violenti che spesso la caratterizzano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...