4. “L’officina mondiale della fiaba”

E’ una proposta che si pone in sintonia con le nuove indicazioni per la scuola primaria. Il progetto-laboratorio dovrebbe svolgersi con una cadenza quindicinale  e può prevedere la partecipazione di insegnanti ed educatori, oltre che di allievi. Le attività programmate sono di diverso tipo e adatte ad essere svolte in gruppo. Intorno agli aspetti dell’intercultura e dell’educazione alla cittadinanza, fondamentali per l’insegnamento, si intende proporre un confronto aperto con i partecipanti in una prospettiva dialogica di scambio di idee ed esperienze. Un momento per riflettere, apprendere e confrontarsi, confermando l’idea del docente come ricercatore. Ovvero del docente come importante anello di congiunzione tra l’ambito teorico e quello pratico.

Obiettivi cognitivi:

esplorare nuove culture attraverso la fiaba. La narrazione senza confini permette di aprire finestre sul lontano e l’altrove, di suscitare curiosità, apertura, attenzione. Curiosità e disponibilità diventano nuove chiavi per aprire le porte del dialogo, della convivenza democratica, del piacere di scoprire quanto sono numerose le somiglianze e quanto affascinanti le differenze. La curiosità muove e fa progredire il mondo. Il luogo privilegiato dove questa scoperta dell’altro può avvenire è la fiaba. La fiaba è specchio che riflette la vita, è un genere narrativo presente nella tradizione orale di ogni popolo e quindi uno strumento capace di creare punti di incontro. Per questi motivi è di estrema importanza per i docenti della scuola, oggi, saper “maneggiare” le fiabe, riuscire ad entrarci dentro, in profondità, per usarle come strumento didattico e in particolare per l’attuazione di una didattica interculturale. Ogni popolo ha, infatti, ambientato le proprie fiabe nel paesaggio in cui ha vissuto e vive e, narrandole, ha fatto continui riferimenti alle proprie abitudini, alle proprie credenze, alle regole della propria società. La fiaba è dunque uno strumento in grado di fornire opportunità di conoscenza, di avvicinamento, di arricchimento e di scambio. In essa possiamo trovare nuovi mezzi per capire e “leggere” la società attuale e per avvicinare culture. Molte storie, le più note, hanno attraversato il mondo, colorandosi di scenari diversi, ma hanno mantenuto spesso una sorprendente uniformità nei personaggi, negli eventi cruciali, nelle situazioni che si presentano simili anche se collocate in paesi differenti. Le fiabe possono essere un veicolo per attraversare il tempo dal passato al presente, per viaggiare da un continente a un altro, per avere informazioni sul mondo.

Obiettivi empatico-relazionali:

L’officina della fiaba è un laboratorio con una forte valenza emotivo-relazionale. Questo perché conduce alla riscoperta del proprio mondo interiore con serenità e giocosità e consente di confrontarlo con quello altrui. La fiaba, infatti, stimola la riflessione e l’azione, la razionalità e la creatività e…ci racconta in maniera giocosa ma profonda, le differenze e le similitudini tra noi e gli altri.

Prima parte – Alla scoperta della fiaba nel Mondo:

@ La narrazione nel mondo: un viaggio avventuroso, rilassante e necessario

Obiettivi:

. scoprire come le fiabe nascono e attraversano i continenti mutando nel viaggio

. conoscere l’importanza della narrazione nel quotidiano di tutti i popoli del mondo

. la didattica interculturale (e in particolare della Geografia) attraverso la fiaba

Contenuti:

. La nascita delle fiabe migliaia di anni fa, differenze e similitudini tra le fiabe del globo

. La trasformazione della fiaba nella storia dell’uomo

. La narrazione fiabesca nei vari continenti

. La fiaba per avvicinarsi alle culture differenti

@ Attraversare le culture a cavallo di una fiaba: la formazione dell’identità culturale attraverso la fiaba

Obiettivi:

. comprendere l’importanza della fiaba nello sviluppo della identità personale e dei popoli

. scoprire in che modo la fiaba può avvicinare le culture e promuovere dialogo e confronto

. l’utilizzo della fiaba come strumento di cambiamento, di pace e arricchimento culturale

Contenuti:

. analisi degli elementi della fiaba preziosi per formare l’identità personale e dei popoli

. analisi degli elementi della fiaba preziosi per incontrare altre culture

. esplorazione di culture lontane attraverso la fiaba, sconfiggere la paura della diversità

Metodo utilizzato in laboratorio: gli argomenti saranno affrontati attraverso un confronto basato sul libero dialogo fra la scrittrice e il gruppo dei partecipanti. Verranno sperimentate le tecniche di narrazione dei vari Continenti.

Seconda parte – Giochiamo con le fiabe di tutti i continenti:

Costruzione di una fiaba senza confini: scoprire le possibilità di arricchimento personale, esplorando le fiabe del mondo

Contenuti:

. la fiaba come gioco per adulti e bambini di tutto il mondo

. scoprirsi inventori e prendere contatto con l’immaginario universale che unisce i popoli

Metodo utilizzato: durante il laboratorio i partecipanti saranno guidati ed invogliati a liberare la propria fantasia producendo, per chi lo vorrà, un racconto fiabesco o delle storie disegnate.

Attività: le attività proposte a questo punto del laboratorio sono diverse tra loro, ma hanno in comune la caratteristica di permettere di giocare con le fiabe. In particolare le attività proposte sono:

􀂾 QUANTE CENERENTOLE?: racconto delle versioni di Cenerentola provenienti dai vari paesi. E’ un modo per conoscere le usanze di altri popoli ed etnie, la loro mentalità e il loro rapporto con la natura, senza mai stancarsi o annoiarsi. Un’occasione per aprire un dialogo fra i bambini provenienti da famiglie non italiane e tutti gli altri.  E la fiaba di cenerentola può essere un punto di partenza anche per raccontare altre fiabe etniche, provenienti dai paesi più disparati. Al termine della narrazione, durante la quale ci sarà stato modo di discutere e confrontarsi su tutte le differenze emerse e le analogie emerse, si potrà procedere a evidenziare tali differenze.

􀂾 MACEDONIA DI STORIE: giocare a inventare nuove fiabe mischiando i personaggi di quelle analizzate di altri continenti (es.: cosa succederebbe se il personaggio di una fiaba piemontese  incontrasse il personaggio di una fiaba africana?);

􀂾  FIABE SENZA CONFINI: inventare fiabe nuove, utilizzando gli elementi culturali nuovi conosciuti ascoltando le fiabe degli altri continenti (es.: proviamo ad inventare una fiaba ambientata in Africa?)

Contatto per aderire al progetto: ladridifavole@gmail.com

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...